sabato 4 gennaio 2014

Geoingegneria tecnica scientifica o fantascienza

Vediamo di cominciare facendo un po’ di chiarezza, per quanto possibile, su un argomento assai complesso e vasto.
Partiamo da wikipedia secondo cui la Geoingegneria rientra nella categoria delle “scienze applicate” e si occupa dell’applicazione “di tecniche artificiali di intervento umano sull’ambiente fisico (atmosfera, oceano, biosfera, criosfera, idrosfera, litosfera ect…) volte a contrastare i cambiamenti climatici causati dall’uomo”. Quindi niente di inventato, inesistente o fantasiosa teoria “complottistica”, la geoingegneria esiste. E’ un dato di fatto; non solo, ma sempre stando a wikipedia apprendiamo che in tale “scienza applicata” rientrano anche opere come il progetto Mose a Venezia finalizzato alla salvaguardia della laguna o la messa in sicurezza di pendii dal rischio di dissesto idrogeologico o da valanghe oppure la messa in sicurezza di un centro abitato da un’eruzione vulcanica o ancora la copertura per mezzo di teli per rallentare lo scioglimento dei ghiacciai, insomma un calderone enorme che comprende diverse attività, alcune anche nobili negli intenti, umane atte alla nostra sicurezza. Ma che bello vero, è un bene che la scienza studi ed applichi tale scienza nel tentativo di proteggerci no? Non dimentichiamo l’obbiettivo “principe” della geoingegneria, la riduzione delle tanto temute CO2!!!

Continua a leggere qui