lunedì 27 maggio 2013

Movimento Sovrano di Gaia: NAC per scie chimiche: aderisci anche tu

Movimento Sovrano di Gaia: NAC per scie chimiche: aderisci anche tu: Ciao Fratello Caro, NAC e Scie Chimiche Sapevamo sin dall’inizio che il concetto che sta dietro alla NAC rappresenta la via maestra per mettere il sistema di fronte alle sue responsabilità, ma semmai ancora ce ne fosse bisogno la sentenza del TAR del Lazio sulla nullità di Equitalia rappresenta per gli indecisi e gli increduli una vera e propria chiamata all’azione per l’uso di questo strumento.
E se deve essere azione, che azione sia.
Abbiamo applicato il concetto della NAC ad un tema per il quale la popolazione fino a questo momento non ha materialmente avuto alcuna possibilità, non solo di avere chiarificazione sui fatti e le attività in corso, ma anche, conseguentemente, di esprimere in merito la propria posizione: Le Scie Chimiche, o Chemtrails.
Il sistema di spray mediante aeromobili non identificati con cui vengono portate avanti operazioni di Geoingegneria clandestina, con modificazioni dell’andamento climatico, delle condizioni chimiche di tossicità dell’aria, della sua trasmissività a segnali elettrici e molto altro, è ormai da molti anni un argomento di fronte al quale le richieste di chiarezza della popolazione si scontrano con il muro di gomma dei media e delle istituzioni.
Bene, da oggi una concreta breccia nel muro è possibile.
Lo strumento della Notifica ha in questo una valenza decisiva.
E rappresenta una via straordinariamente incisiva per fare materialmente breccia nell’omertà, nella sufficienza, nel debunking e nel discredito, che regnano da decenni su questo tema.
Come? Fondandosi e giovandosi delle inflessibili leggi dell’universo che regolano i rapporti di libero arbitrio tra esseri coscenti.
Con l’invio ai rappresentanti del potere, all’indirizzo delle loro sedi istituzionali, di una notifica con richiesta di informazioni dirette sulle attività inerenti le scie chimiche, nel caso la richiesta formale viene ignorata, entro un dato termine il nostro consenso a tali attività viene ufficialmente ritirato ed il potere si trova pertanto esposto alle forze universali che inesorabilmente riequilibrano nel modo più indicato la violazione del libero arbitrio che si è verificata.
Il potere conosce bene ciò che qui descriviamo, perché queste dinamiche le usa a suo vantaggio e nostro danno da tempo immemorabile.
Questa è la prima volta quindi che un sistema basato sul concetto NAC viene impiegato a questo scopo, collegando contestualmente l’azione al formale ritiro del nostro consenso.
Il Primo Firmatario della notifica – che riportiamo ad un link di download al termine di questo articolo – è Sandro di Gaia, Sovrano Ambasciatore di Pace, che ha redatto il testo del documento e che si occupa della spedizione con Raccomandata R/R alle sedi dei ministeri competenti ed alla Presidenza della Repubblica.

Quale è il tuo ruolo?

A te chiediamo di partecipare come co-firmatario della notifica, e di farlo inviando la tua adesione in posta elettronica all’indirizzo che ti indichiamo e con il breve testo che di seguito potrai copiare ed incollare in una email:

Io, sottoscritto/a Nome e Cognome, nato/a  Luogo il gg/mm/aa, con la presente manifesto in modo esplicito e tacito la mia volontà di partecipare in qualità di Co-firmatario alla Notifica di Verifica inerente le operazioni di Geoingegneria e Scie Chimiche così come risulta dal testo del documento accluso in allegato scaricabile.
Dò altresì il mio assenso a che il documento recante il mio nome in qualità di co-firmatario venga inviato ufficialmente alle sedi istituzionali indicate essendo consapevole che il mio nome ed i miei dati possono venire letti e maneggiati dagli organi istituzionali connessi ai destinatari dell’invio.
Luogo, Data,  Nome, Cognome e Firma

Indirizzo email a cui inviare l’adesione: sandro.digaia@gmail.com

Ecco il testo scaricabile della notifica che verrà inviata da parte di Sandro Di Gaia, primo firmatario, dopo avervi aggiunto i nomi dei co-firmatari che inviano la loro adesione:

ScieChimiche_Sovrani


A chi viene chiesta l’adesione?

A tutti coloro che si sentono secondo il proprio libero arbitrio di partecipare all’iniziativa.
Ideale è che a partecipare siano altri Sovrani d’Italia, in numero almeno di dodici, fatto che giuridicamente “fa consuetudine”. Ma l’invito è rivolto davvero a tutti.
Anche una partecipazione massiva di cittadini che ancora non sono sovrani ma si stanno avvicinando al tema della sovranità individuale garantisce grande impatto all’operazione.
Quindi la chiamata all’azione è alla fine rivolta a tutti quelli che desiderano fare chiarezza su un fenomeno, quello delle Scie Chimiche, finora senza chiare risposte da parte delle istituzioni. E che capiscono che il concetto della Notifica qui sotteso è in grado di portare quei risultati pratici che altre iniziative di sensibilizzazione faticano ad ottenere.

Un piccolo impegno morale

A titolo di contributo alla spedizione chiediamo una libera – e non assolutamente obbligatoria – donazione paypal, anche di un solo euro, a coloro che danno la loro adesione.
Le raccomandate sono da spedirsi a cinque destinatari istituzionali: Ministeri competenti e Presidenza della Repubblica.
Una volta raggiunto l’ammontare necessario delle spese di spedizione, invieremo il denaro a Sandro di Gaia, primo firmatario e mittente, dopodiché pubblicheremo la cosa in tutta trasparenza su questo sito, nel corso degli aggiornamenti sull’operazione.
Naturalmente questo post viene pubblicato contemporaneamente anche sul sito di Sandro di Gaia, al link

http://movimentosovrano.blogspot.it/

Si prega di indicare la motivazione “spese spedizione NAC scie chimiche” nella causale della donazione.
Grazie in anticipo a tutti coloro che daranno la loro adesione, ma anche a chi semplicemente leggerà e diffonderà questo articolo, condividendolo ampiamente sui social media.
Jervé

domenica 26 maggio 2013

UNA PROPOSTA SEMPLICE E RISOLUTIVA PER SALVARE IL PAESE SENZA FARSI DEL MALE
 Di Danilo Perolio diinabandhu, 14 marzo 2013

DOPO LA LETTURA
DELLA PRESENTE PROPOSTA
è caldamente consigliata
la visione di
questo video

* IL CORAGGIO DI VIVERE *



Fa bene al cuore
e alla speranza attiva








Video correlato



AUDITE AUDITE, OH RUSTICI ... L'ANNUNZIO PE'L VOSTRO
''SOGNO O SON DESTO?''









Remember: Mondiale 1970
Italia 4 - Germania 3











Remember: Mondiale 1982
Italia 3 - Germania 1











Remember: Mondiale 2006
Italia 2 - Germania 0











"Dum ea Romani parant consultantque,
 iam Saguntum summa vi oppugnabatur".
"Mentre a Roma si discute, Sagunto cade".

LEGGI LA MIA PROPOSTA AL NUOVO GOVERNO
QUALUNQUE ESSO SIA PERCHE' NON C'E' PIU' TEMPO,
E AIUTAMI A RECAPITARLA IN QUALSIASI MODO SIA POSSIBILE:



A Roma ormai si discute da decenni, per miracolo Sagunto resiste ma è ormai allo stremo.

Non ci fosse stato il Movimento 5 Stelle, è mia convinzione che la disperazione dei più avrebbe preso il sopravvento e qualcosa di molto rovinoso avrebbe scosso il nostro, ormai misero, Paese..

Ora, però, una piccola luce ha iniziato a brillare, una tiepida speranza conforta i cuori di molte genti, una nuova coscienza serpeggia e si propaga … presto tracimerà qualunque argine, demolendo vecchie strutture arrugginite che contengono le menti.

Ecco dunque una missiva, forte e chiara, per la Roma oscura, quella dei potenti prepotenti, perché adesso c'è qualcuno pronto a recepirla e, anziché questionare, interverrà per evitare la caduta.

Chiedo soccorso a te, a voi, che comprendere saprai. Cerchiamo tutti quanti insieme di far giungere il messaggio a quelli che a Roma han coraggio, sono i nuovi cittadini che sono pronti a dimostrare con ardore tutto quanto il loro valore. Questa è una proposta, può sembrare molto ardita, a me pare assai concreta e pure potente. E' un inizio, una traccia, da praticare, coltivare e sviluppare.

Gruppo facebook di condivisione e discussione:Ipotesi di un comune cittadino: pago le tasse, sono degno di soluzioni vere.
http://www.facebook.com/groups/121740024527282/


* * * * * * * * * * * * *


* Premessa

Quello che serve adesso, immediatamente, per uscire dalla depressione e rilanciare l'economia sana, il lavoro (quello vero, sostenibile e dignitoso), la ricerca, l'innovazione, l'energia (ambientalmente sostenibile e rinnovabile), il welfare, la dignità e le relazioni sociali, e per ricostruire un Paese devastato da decenni di corruzione, clientelismi, ingiustizie, degrado progressivo. Quello che occorre per risanare, ricostruire, diminuire fino ad azzerare l'insano debito pubblico, è disporre di liquidità monetaria a costo zero. Questo sembra impossibile, perché ormai siamo in molti ad aver capito che è principalmente l'emissione monetaria in sé a originare il debito. Questo per colpa dei vari "trattati capestro" (Maastricht e seguenti), firmati dai nostri politici asserviti ai vari gruppi di potere sovranazionali (Bilderberg, Trilaterale, Aspen Institute, Goldman Sachs, ecc. ecc.) all'insaputa dello sprovveduto popolo italiano, con la complicità dei sindacati e degli organi "ufficiali" e "accreditati" dell'informazione. I coltivatori dei vari orticelli degli interessi privati delle categorie hanno fatto il resto, mantenendo la popolazione nell'ignoranza e facendole credere che i sacrifici, le tasse, le umiliazioni, i patimenti, le sofferenze, fossero necessari, indispensabili per il bene del Paese. Una menzogna clamorosa, vergognosa, che qualcuno definisce pure criminale.

In una situazione d'emergenza di questa portata, cosa c'è di impossibile?
Nulla è impossibile di fronte alla tetra prospettiva del nostro destino a brevissimo termine!
Grecia docet! (nel male).Italia docet, si spera (nel bene).


* La mia idea/proposta in pillole
   Dare gambe possenti, veloci, agili, all'economia del Paese

Come molti ormai sanno, i trattati europei vietano agli Stati membri di stampare la moneta, anche in euro. Tale prerogativa è delle banche centrali le quali sono private (per esempio Banca d'Italia è una SpA, e adesso si chiama Bankitalia SpA), le quali lucrano con il signoraggio e indebitano gli Stati membri proprio con l'emissione degli euro.

Ecco quella che ritengo essere una via percorribile senza violare i trattati, perché non si tratta dell'emissione di una moneta, ma del concorso dello Stato al sostegno del welfare del Paese utilizzando il proprio patrimonio a garanzia dell'operazione.

- Lo Stato stampa ed emette in Sovrana Autonomia i BuWel, Buoni Statali di Sostegno al Welfare (o come si preferisca chiamarli).
- I Buwel sono emessi in tagli diversi a puro costo tipografico, e non generano debito alcuno.
- I BuWel sono garantiti dal Patrimonio dello Stato.
- I BuWel hanno valore equivalente all'euro (1 buono = 1 euro)
- I BuWel non sono convertibili in euro o in altra valuta.
- I BuWel sono spendibili esclusivamente sul territorio nazionale, per la fruizione di servizi, acquisto di beni e prodotti esclusivamente italiani (made in Italy, NO GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA E FINANZIARIZZATA).
- I BuWel sono distribuiti dallo Stato per sostenere il Welfare del Paese a costo zero, per risanare il Paese e liberarlo dalla schiavitù del debito.
- Possibile equivalenza territoriale.
  * A tale scopo è prevista la possibilità di emettere dei buoni equivalenti da parte delle Regioni, a valere sul patrimonio regionale, o dei Comuni a valere sul patrimonio comunale.
  * A tale scopo lo Stato, le Regioni, i Comuni, accetteranno i BuWel - o gli analoghi buoni regionali e comunali- in pagamento di alcune tasse e imposte.


Alcuni esempi della possibile distribuzione dei BuWel

1. Reddito di cittadinanza
2. Integrazione delle pensioni (in BuWel fino alla concorrenza di 1000 o 1200 euro)
3. Liberare posti di lavoro per i giovani, offrendo il pensionamento dai 57 anni in poi (il pagamento di queste nuove pensioni avverrà in forma mista Euro/BuWel, in percentuali variabili con l'avvicinarsi al 70° anno d'età. Al 70° anno d'età il pagamento sarà esclusivamente in euro, o in valuta corrente in quel momento).
4. Pagamento dei ticket ospedalieri, farmaceutici, per le analisi mediche
5. Rette scolastiche, mense, famiglie in difficoltà
6. Misure immediate per il rilancio della piccola e media impresa, tra le quali acconti e/o saldo dei debiti dello Stato verso le imprese private
7. Pagamento piccole opere pubbliche territoriali, in misura percentuale (forza lavoro con imprese italiane che lavorano in totale sicurezza e nel rispetto delle regole e delle leggi, materiali italiani di qualità, rispetto ambiente e utilizzo energie pulite e rinnovabili).
8. Ricerca e realizzazione energie sostenibili, compatibili, rinnovabili.
9. Telefonia e Wi-Fi sul territorio nazionale, con servizi offerti da aziende con maggioranza degli investitori italiani all'interno del capitale dell'azienda.
10. Restituzione IMU prima casa 2012 in BuWel.
11 Contributo una tantum per il 2013 a tutte le famiglie bisognose sotto la soglia di povertà, comprese quelle extra comunitarie.
12. Fondi freschi a scuola pubblica, sanità pubblica, cultura pubblica, patrimonio culturale dello Stato, rilancio settore turistico (conseguente ripresa dell'attività turistica, che porterà nel Paese valuta grazie alla doverosa rivalutazione del nostro ineguagliabile patrimonio ambientale), ecc., ecc., ecc.

Lo Stato istituisce l'Istituto Statale per il Sostegno al Welfare, con una sede centrale e sedi periferiche ove necessario. Tra le varie funzioni, l' ISpeSaW provvederà alla stampa, alla custodia/deposito, alla distribuzione, alla negoziazione dei BuWel sotto il controllo dell'apposito Ministero.

E' previsto che ISpeSaW possa assorbire o controllare le banche private italiane che dovessero andare in default, garantendo così l'occupazione del settore e la tutela dei risparmiatori e degli investitori.

Gli investitori italiani hanno la possibilità di sostituire, a scadenza, i propri Titoli di Stato con BuWel, a un tasso decisamente più alto rispetto agli stessi titoli in scadenza, i cui interessi sono a costo zero per lo Stato perché i BuWel sono emessi in autonomia dallo Stato stesso, senza generare alcun debito (riduzione drastica del debito pubblico in tempi brevi).


Molto altro si può ipotizzare e teorizzare, di certo con questo meccanismo ben presto saremo fuori dalla recessione e torneremo a "stare bene tutti", molto più di quanto sia mai accaduto nella storia della nostra Repubblica.


* Alcune prospettive possibili

A "casa nostra" (Italia) da ora in poi comandiamo noi! Per ciò, ci organizziamo come meglio ci piace. Se, per il momento, i trattati ci impongono determinati parametri, nessuno può imporci il modo per realizzare i risultati imposti dall'Unione Europea e dalla BCE. Grazie alla realizzazione, passo passo, e al progressivo sviluppo di questo progetto, ben presto saremo più forti e più sani, e potremo pretendere e affrontare con forza, vigore e serenità la revisione dei trattati europei.

- Referendum sulla permanenza nell'euro. Lo faremo disponendo dell'esperienza pratica di cosa significa poter utilizzare una simil/moneta di proprietà invece che a debito, si chiami essa euro, lira, o in qualsiasi altro modo.

- Gli altri Paesi europei ci copieranno, come potrebbero non farlo?

Questo fatto sarebbe propedeutico alla nascita di una vera Confederazione di Stati Europei, gli Stati Uniti d'Europa fondati su valori ben diversi da quelli imposti dai padroni del debito e predatori delle Sovranità Nazionali dei singoli Stati.

Non mi spingo oltre e ritorno allo scenario nazionale.

- Di fronte a una proposta di questo genere, nel contesto di un'Italia arrabbiata, affamata, confusa, pronta a esplodere, come si comporteranno i dinosauri della politica, e combriccole varie?
Come potranno scantonare e rifiutare questo progetto?

Chi non volesse prendere in considerazione quest'ancora di possibile salvezza, è pronto a correre il rischio di essere consegnato ai libri di storia con un marchio indelebile di grande ignominia?

Grazie per l'attenzione,
Danilo Perolio diinabandhu
www.liberamenteservo.it
14 marzo 2013

sabato 4 maggio 2013

L'obbedienza e' la piu' subdola delle tentazioni: Italia: altri 22 milardi per le armi

L'obbedienza e' la piu' subdola delle tentazioni: Italia: altri 22 milardi per le armi: Dopo gli F-35, altri 22 miliardi di euro per le spese militari 22 miliardi di euro. E' questa la cifra sbalorditiva che, in barba alla crisi, le Forze Armate italiane si apprestano ad impiegare per la cosiddetta digitalizzazione dell'Esercito, un record che batte persino le stime per l'acquisto dei famosi F-35 (14 miliardi di euro).

Un fiume di denaro pubblico che servirà, tra l'altro, a dotare un élite di 558 "soldati del futuro" (circa mezzo milione di euro ad unità) di tecnologia bellica high tech: dall'avanguardistico mirino Specter integrato con una microtelecamera ad infrarossi, agli occhiali per la visione notturna montati sull'elmetto, ai mininavigatori gps piazzati sulla spalla al lanciagranate coassiale con correttore automatico di tiro fino al tablet blindato con touch screen per i comandanti. Su quest'ultimo "fondamentale" strumento, tuttavia, i tecnici manifestano qualche perplessità: c'è la possibilità, infatti, che possa non funzionare nelle battaglie ingaggiate nel fango (ma con chi le dovremmo ingaggiare le battaglie nel fango?). Insomma, roba fondamentale per il paese. Esattamente ciò che i cittadini chiedono. O no?

A proposito: la Costituzione italiana, all'articolo 11, recita: "L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali"
*L'inchiesta completa, da cui abbiamo tratto alcuni dati sugli imminenti, scandalosi sprechi delle Forze Armate, la trovate su "L'Espresso" in edicola questa settimana

Massimo Malerba

venerdì 3 maggio 2013

Gli Inglobati: Nuovi eventi meteorologici eccezionali colpiscono ...

Gli Inglobati: Nuovi eventi meteorologici eccezionali colpiscono ...: Continuano gli eventi meteo eccezionali sulla Terra: oltre le gravi inondazioni che colpiscono lo Yemen e l'Arabia Saudita, anche  l'America viene flagellata da fenomeni anomali: Kansas City e Topeka rischiano la seconda nevicata di maggio della loro storia!


Stati Uniti:


<< La stagione calda continua a farsi attendere. Anzi, in questi giorni una tardiva ondata di freddo per il periodo ha colpito diversi stati settentrionali degli USA, dove è ricaduta la neve fino a bassissima quota. Un esteso fronte freddo, in movimento lungo il bordo orientale di un robusto anticiclone di blocco, disposto con il proprio asse dagli USA centrale verso la baia di Hudson, sta scivolando verso sud, dispensando insolite nevicate fino a bassissima quota nel cuore delle praterie centrali statunitensi. >>

ARTICOLO ORIGINALE:
http://www.meteoweb.eu/

Arabia Saudita:

<< Diviene sempre più pesante il bilancio delle inondazioni che hanno colpito diverse aree dell’Arabia Saudita, dello Yemen e dell’Oman. Secondo quanto riportato dalle autorità saudite gli allagamenti e le inondazioni avrebbero provocato la morte di almeno 13 persone, mentre 4 risulterebbero disperse. Purtroppo altre due vittime si registrano anche nel sultanato dell’Oman. >>



ARTICOLO ORIGINALE:
http://www.meteoweb.eu/

Il raffreddamento climatico che sta arrivando

Il raffreddamento climatico che sta arrivando


Il raffreddamento climatico che sta arrivando

  
theodorLa Piccola Era Glaciale (PEG) prossima ventura determinata dal minimo solare attuale era stata già prevista dalle teorie di Theodor Landscheidt.
Theodor Landscheidt, astronomo e climatologo tedesco scomparso nel 2004, si può considerare un antesignano del raffreddamento climatico globale che sta per schiudersi tra pochi anni.
  Il suo straordinario lavoro “New Little Ice Age – Instead of Global Warming?” è stato pubblicato postumo dal Schroeter Institute for Research in Cycles of Solar Activity da lui fondato a Brema e successivamente trasferito in Canada.
Landscheidt fu sicuramente un uomo eclettico, parlava correttamente cinque lingue (tra cui l’italiano), aveva studiato filosofia, astronomia, scienze naturali e perfino giurisprudenza. Si laureò nel 1955 a Göttingen, ma fu sempre un ricercatore indipendente con un’ampia cultura interdisciplinare.
  Il suo interesse alla climatologia era derivato dalla profonda conoscenza dei cicli solari che hanno sempre illuminato i suoi studi.
Nel suo studio pubblicato nel momento di maggior trionfo della teoria del Anthropic Global Warming (riscaldamento globale determinato dall’attività umana) creò a suo tempo ilarità nella comunità scientifica che vedeva la Terra come futura preda di una desertificazione massiva.
  Nel suo lavoro Landscheidt sin dal titolo poneva un interrogativo inquietante: ci sarà una Nuova Piccola Era Glaciale invece di un Riscaldamento Globale?
Egli, dopo un’accurata analisi della variabilità dei cicli solari, ponendosi in netto contrasto già all’inizio degli anni 2000 con le speculazioni dell’IPCC, istituzione dell’ONU deputata al controllo climatico planetario, che prevedeva un innalzamento della temperatura planetaria di quasi 6°C nei futuri 100 anni, suggeriva al contrario la prossima insorgenza di un periodo di raffreddamento climatico globale che avrebbe avuto il suo apice intorno al 2030.
  La sua previsione era basata sulla relazione presente tra il minimo solare di Gleissberg degli anni ’80-’90, associato ad un clima fresco presente sulla Terra, e il ciclo solare di 83 anni determinato dal cambiamento del momento angolare del centro di massa del sistema solare secondo lui correlato al comportamento dei cicli solari .
Secondo i suoi studi i comportamenti futuri di questi cicli e le loro ampiezze possono essere calcolati e previsti, tanto da poter supporre che i prossimi minimi solari porteranno forti raffreddamenti climatici con apice intorno al 2030 e al 2200 e che saranno molto simili al minimo di Maunder registrato in Europa tra il 1645 e il 1715.
  Egli aveva formulato le sue teorie in base a previsioni di tipo astronomico che, peraltro, avevano già avuto conferma nel previsto comportamento climatico del El Nino, nei tre anni precedenti alla pubblicazione del suo ultimo lavoro nel 2004.
Bisogna premettere che Landshieldt ha sempre pensato che il Sole fosse il vero motore del clima affermando senza mezzi termini in suo lavoro del 1998: “la circolazione atmosferica, che è la causa della variabilità meteorologica, è diretta dall’energia solare”.
  Ritornando al come Landscheidt potesse prevedere l’andamento delle fluttuazioni dei cicli solari, bisogna sottolineare che egli prendeva fondamentalmente in considerazione le variazioni nel tempo del centro di massa del Sistema Solare (o baricentro del Sistema Solare) che è diversamente posto rispetto il centro di massa del Sole (o baricentro del Sole) perché determinato dalla posizione nello spazio di tutti i pianeti del Sistema Solare rispetto al Sole. Quindi il suo scopo era determinare quale era la capacità  di interferire sull’attività solare dei pianeti del Sistema Solare, soprattutto i pianeti giganti come Giove o Saturno, ed in particolare quale era il momento angolare orbitale dell’intero Sistema Solare rispetto al centro di massa del Sole.
  Il momento angolare orbitale in meccanica quantistica è l’analogo classico del momento della quantità di moto della meccanica classica ed è il generatore delle rotazioni nello spazio.
  Il momento della quantità di moto o impulso angolare di un corpo rotante rispetto al centro attorno al quale gira è un’importante grandezza che caratterizza il moto circolare. Più in generale è una variabile dinamica utile per la descrizione del moto di una particella nello spazio. Ha, infatti, la proprietà, in molti problemi meccanici, di essere una costante del moto (un vettore che si conserva nel tempo) .
  Per chi ha più dimestichezza con questi concetti bisogna ricordare che il momento angolare di un sistema è costante nel tempo se è nullo il momento delle forze esterne che agiscono su di esso.
  Esaurite le spiegazioni per i più esperti e per chi non ha dimestichezza con queste definizioni di fisica, credo una posizione piuttosto comune, e, facendo inorridire più d’un purista quantistico, credo che possiamo riassumere il tutto in due concetti:
  1.  che la forza applicata al Sole è dipendente dalla posizione nello spazio dei diversi pianeti ed in rapporto alle loro diverse dimensioni o massa;
  2. che il Sole, essendo una stella per definizione per nulla ad emissione costante di energia, è molto sensibile nelle sue variazioni energetiche all’attrazione gravitazionale esercitata dai pianeti che ci ruotano intorno.
sigizia1
Sigizia dei pianeti rispetto al Sole
  Il lavoro di Landschieldt portato avanti da Carl Smith, anche lui scomparso di recente (2009), e da Geoff Sharp ha portato allo sviluppo di un grafico calcolato al computer e sviluppato mediante la posizione spaziale e le relazioni esistenti tra Sole e baricentro del Sistema Solare a partire dal 3000 a.C. fino al 3000 d.C. con il calcolo della longitudine, distanza, momento angolare per ogni 5 giorni esteso quindi per 6000 anni .
 sun1
  I risultati di questi grafici sull’ipotetica energia solare emessa dall’astro nelle diverse epoche è stata messa in relazione alla quantità di Berilio 10 e Carbonio 14 presenti nei carotaggi eseguiti nei ghiacci dell’artico.
  È da ricordare che i carotaggi dei ghiacciai presenti nell’Artico, che conservano memoria delle variazioni climatiche, sono un’importante registrazione di quello che avveniva nell’aria in epoche passate. Analizzando la loro componente è pertanto possibile verificare cosa è accaduto nel clima prima che si cominciasse a registrare direttamente le sue variazioni.
  Ebbene i dati estrapolati dalla equipe di Landschieldt e quelli presenti nei carotaggi corrispondevano. Il Carbonio 14 e il Berilio 10 sono infatti delle sostanze che hanno una loro maggior presenza nell’aria quando è presente un minimo solare. Ciò accade perché, quando è presente un minimo solare che riduce l’interferenza con i raggi cosmici interstellari, questi giungono in maggior quota fino al suolo e questi composti si formano in maggiore quantità.
  Questa è la prova che le teorie sulla prevedibilità dei minimi solari sono realistiche.
c14
  In conseguenza di ciò Geoff Sharp ha pertanto affermato ”Che cosa regola il nostro Sole? La maggioranza degli scienziati crede nel principio che è il Sole stesso ad automodularsi ed ogni ciclo solare è semplicemente il prodotto di un generatore casuale di numeri. Ma ci sono altre persone che hanno il sospetto che il Sole sia modulato dai pianeti ed in particolare da Giove. Grazie a Carl Smith, che ci ha lasciati recentemente, noi abbiamo ora nuove conoscenze che si aggiungono significativamente al lavoro di Jose e di Landscheidt”.
  Ritornando al lavoro di Landschieldt e Smith, loro concentrarono la loro attenzione sul momento angolare negativo, ossia quando la linea sul grafico andava a zero. Sharp, invece, concentrò la sua attenzione su quando il grafico presentava una “gobba” corrispondente a particolari sigizie (allineamenti) in congiunzione od in opposizione tra i pianeti Saturno Giove Urano e Nettuno, corrispondenti alle frecce verdi del grafico sottostante.
 sun2
  In particolare sembra che questa “gobba” si verifichi quando Giove, Urano e Nettuno sono in congiunzione, ma opposti a Saturno.
sigizia1
 
  Nel grafico sovrastante la “gobba” corrispondente a celebri minimi solari è evidenziata dalla freccia verde.
  In base a questa conformazione del grafico, corrispondente in epoche passate a minimi solari e raffreddamenti globali del clima storicamente documentati, l’attuale ciclo 24 che il nostro Sole sta in questo momento attraversando è fortemente candidato ad essere un ciclo solare molto debole ed in grado di determinare una Piccola Era Glaciale.
  Quanto un ciclo solare molto debole possa influenzare il clima in opposizione a quanto sostenuto dall’IPCC (International Panel Control Climate dell’ONU) ce lo dice direttamente Landschield nel suo lavoro del 2004
“Il giudizio dell’IPCC per cui l’effetto del sole sul clima sia trascurabile deriva dalle osservazioni del satellite avviate sin dal 1978 che mostrano l’irradianza totale del sole sebbene non costante, comunque variabile nel corso del ciclo undecennale del sole non oltre lo 0.1%. Questa argomentazione, comunque, non prende in considerazione l’attività eruttiva solare (brillamenti, espulsione di massa coronale, eruzioni) che condiziona pesantemente il vento solare, pare infatti che gli effetti dei buchi coronali con i relativi effetti sul vento solare abbiano una influenza climatica maggiore rispetto all’effetto dell’irradianza solare totale. Il flusso magnetico solare partente dal sole e trasportato dal vento solare è cresciuto dal 1901 di un fattore di 2.3 (più del doppio rispetto ai valori precedenti n.d.r.) (Lockwood et al., 1999), mentre le temperature globali terrestri sono cresciute di circa 0.6°C. L’ energia nel flusso solare è traferita in prossimità della terra da interconnessioni magnetiche e direttamente nell’ atmosfera attraverso le particelle cariche della ionosfera. Le eruzioni energetiche aumentano le radiazioni ultraviolette fino al 16%. L’ozono assorbe in stratosfera questo eccesso di energia che causa locali riscaldamenti e disturbi nella circolazione generale. I modelli sviluppati per la circolazione generale atmosferica da Haigh (1996), Shindell et al. (1999), and Balachandran et al. (1999) confermano che il cambio di circolazione generale, inizialmente indotto in stratosfera, può penetrare in troposfera e influenzare la temperatura, la pressione atmosferica, la circolazione di Hadley, le traiettorie delle tempeste, grazie al cambiamento della distribuzione di una gran parte dell’energia già presente in atmosfera” .
   Riassumendo i concetti espressi da questi ricercatori possiamo dire che:
  1.     i minimi solari influenzando fortissimamente il clima nel senso di un forte raffreddamento globale planetario fino ad una Piccola Era Glaciale, anche se una vera e propria Era Glaciale non può avere solo questa origine; 
  2.  il Sole è fortemente influenzato nella sua attività espulsiva dalla posizione nello spazio dei pianeti maggiori del Sistema Solare
  3.   mediante il calcolo delle sigizie (allineamenti) planetarie si può disporre di una certa predittività dell’andamento solare ed in base a quanto calcolato l’attuale ciclo solare (il 24) ci sta portando a una nuova Piccola Era Glaciale.
  Guardando fuori dalle nostre finestre sembra avverarsi quanto sostenuto da Landschieldt a dispetto di un tanto reclamizzato Riscaldamento Globale in pieno sviluppo e da noi percepito negli scorsi anni molto chiaramente. Un Riscaldamento Globale non dovuto all’aumento della CO2, ma semplicemente corrispondente a cicli solari passati (il 22 e il 23) particolarmente intensi.
  Bisogna quindi riconoscere le doti di scienziato di Landschieldt che come un novello Galileo ha affrontato l’opinione dominante con coraggio, ma questo coraggio non lo preservò dalla celebre epidemia d’influenza del 2004, che solo in Italia provocò circa 20.000 morti per complicazioni insorte in soggetti a rischio, e che lo tolse dal mondo.
  Chiedo anche scusa per le cospicue semplificazioni nelle teorie riportate in questo testo che sicuramente faranno storcere il naso ai puristi, ma che  rendono più comprensibile l’approccio a questo tema piuttosto difficile per chiunque non sia un addetto al settore.